Camper a noleggio: autosufficienti oppure no?

Camper a noleggio: autosufficienti oppure no?
on set 19, 2018

Camper autosufficienti contro camper “normali” - Vantaggi e svantaggi

Viaggiare in camper è il trend in più forte crescita del settore vacanze. Scegli un paese, oppure più paesi confinanti, pianifica l’itinerario e goditi uno straordinario viaggio “on the road”. Percorri il paese con letto, cucina, salotto e altro ancora al seguito.

Una delle domande da affrontare direttamente alla prenotazione del camper è se noleggiare un’unità autosufficiente oppure no, Non sei sicuro del significato del termine e del possibile impatto sulla tua vacanza? Continua a leggere la nostra analisi dei vantaggi relativi a ciascun tipo di veicolo.

 

Cosa significa autosufficiente (self-contained)?

Un camper autosufficiente è un veicolo che può funzionare senza nessuna risorsa esterna. I camper certificati autosufficienti includono servizi igienici e serbatoi per le acque grigie (acque reflue del lavandino e della doccia) e le acque nere. Questo significa che quando ti fermi per la notte non avrai bisogno di una piazzola dotata di servizi igienici. Meglio ancora, un camper autosufficiente consente, alla partenza, di non lasciare nessuna traccia del soggiorno. In Nuova Zelanda un camper viene certificato autosufficiente se può contenere le acque reflue per tre giorni prima di doverle scaricare alle apposite stazioni.

 

Cosa sono le aree di scarico?

Le aree di scarico sono delle strutture appositamente progettate per consentire di svuotare i serbatoi delle acque grigie e delle acque nere. Sono disponibili in tutti i campeggi attrezzati per camper e a volte anche come strutture indipendenti.

 

Suggerimento: Durante la ricerca del camper a noleggio su Motorhome Republic, controlla che sia presente il segno di spunta alla voce “Cert. autosufficiente” nella descrizione del veicolo.

 

 

 

Impatto ambientale

Uno dei motivi per i quali i camper non autosufficienti non possono fermarsi dappertutto è l’impatto ambientale. Senza un serbatoio apposito, le acque grigie spesso finiscono su prati, parchi o spiagge, danneggiando l’area.

 

Differenze di prezzo tra i due tipi di veicoli

Quando inizi ad informarti sul veicolo da noleggiare noterai immediatamente le differenze di prezzo tra le varie tipologie. I furgoni convertiti in camper sono i più economici, mentre quelli più lussuosi da 6 posti letto sono ovviamente la variante più costosa. Anche se le unità autosufficienti sono più costose, consentono di risparmiare durante il viaggio grazie alla possibilità di fermarsi ovunque... e qui arriviamo al discorso campeggi.

 

Campeggi

Aree per il campeggio libero

Uno dei motivi per cui scegliere una vacanza in camper è la possibilità di risparmiare sull’alloggio. Ci sono moltissime aree pubbliche che consentono ai camper di fermarsi per la notte gratuitamente. Si tratta del cosiddetto campeggio libero, e le piazzole variano dai semplici parcheggi alle strutture più attrezzate con servizi igienici e doccia (piuttosto rare). In Nuova Zelanda, le opzioni per il campeggio libero di certo non mancano, ma in linea di massima per sfruttarle è comunque necessario un veicolo autosufficiente. La sosta è vietata ai veicoli non autosufficienti, e se occupano tali piazzole sono passibili di contravvenzione.

Le normative sul campeggio libero e i regolamenti relativi ai veicoli autosufficienti variano da paese a paese, quindi conviene informarsi bene prima di partire.

 

Campeggi a pagamento

Per i camper non autosufficienti i campeggi sono di solito l’opzione più vantaggiosa. I siti più a buon mercato dispongono di servizi igienici, mentre salendo di prezzo si trovano anche docce, aree relax, aree picnic e altro ancora. È inoltre possibile scegliere tra piazzole con allaccio alla rete elettrica o senza allaccio.

 

 

 

Piazzole senza allaccio

Le piazzole senza allaccio consentono di parcheggiare il veicolo e di utilizzare i servizi comuni del campeggio.

 

Piazzole con allaccio (più costose)

Le piazzole con allaccio consentono di parcheggiare il veicolo e di collegarsi alla rete elettrica del campeggio. I camper hanno bisogno di collegarsi alla rete elettrica ogni 2-3 giorni per ricaricare le batterie che alimentano le dotazioni del veicolo.

Noleggiando un veicolo autosufficiente, consigliamo comunque di alternare campeggio libero e campeggio a pagamento ogni 2-3 giorni, per ricaricare le batterie e svuotare i serbatoi delle acque reflue.

 

Dotazione del veicolo

Cos’è più importante per te? Se ti basta un posto dove dormire e un fornellino portatile, allora l’ideale è un camper modello base come l’Hippie Camper di Drift o il Lucky di Rookie.

Se invece desideri avere la tua doccia privata, bagno, soggiorno, cucina, bagagliaio e tanto spazio per il relax, allora un veicolo autosufficiente è l’opzione più adatta. La dotazione include anche mini-frigo, acqua calda, forno, microonde, tende da sole e altro ancora.

Tra le agenzie che offrono veicoli autosufficienti abbiamo:

 

Un veicolo autosufficiente è la scelta che fa per te?

Alla fine, la scelta è solo tua. Se non vuoi metterti ogni sera alla ricerca di un campeggio a pagamento o di un bagno, noleggia un veicolo autosufficiente. Se invece preferisci una vacanza più “essenziale”, rispetta sempre le normative locali sul campeggio e lascia il luogo dellla sosta esattamente come l’hai trovato. Indipendentemente dalla decisione, sarà comunque un viaggio indimenticabile!

 

Se hai delle domande sui veicoli autosufficienti o sui camper in generale, contattaci al telefono o per email in qualsiasi momento.